Sala I

Viaggio al Polo Nord

La sala I accoglie il visitatore con l’affascinante ricostruzione (diorama) di un accampamento artico e il sistema di casse e oggetti che costituivano l’equipaggiamento con cui Silvio Zavatti affrontava i suoi viaggi ai Poli.

Sala I

Viaggio al Polo Nord

La sala I accoglie il visitatore con l’affascinante ricostruzione (diorama) di un accampamento artico e il sistema di casse e oggetti che costituivano l’equipaggiamento con cui Silvio Zavatti affrontava i suoi viaggi ai Poli. Accuratamente sistemate su una slitta in legno (riproduzione di quella utilizzata dal Duca degli Abruzzi ai primi nel ‘900), le casse risalgono alle ultime spedizioni di Silvio Zavatti al Polo Nord, quella del 1967 e quella del 1969 nell’Artide canadese. Si possono osservare il sacco-letto di Silvio Zavatti, i suoi scarponi, un fornelletto da campo, stoviglie varie. La slitta è guidata da un “moderno viaggiatore”, che indossa una giacca in pelle e una frusta di pelle di foca, lunga 13 m, per i cani da slitta. Accanto, ai materiali di Silvio Zavatti, si trova la rappresentazione di uno degli accampamenti dell’equipaggio del Duca degli Abruzzi. In particolare, è possibile ammirare la tenda e il sacco-letto utilizzato da Cavalli Monelli, medico della spedizione. Nella teca di fronte al diorama sono raccolti alcuni oggetti donati dall’Associazione Grande Nord (www.associazionerandenord.it) di Torino, nel 1994. Questi oggetti furono rinvenuti nella zona dove gli uomini della spedizione del Duca degli Abruzzi trascorsero l’inverno polare. Nella sala II è, invece, possibile ammirare un modellino della Stella Polare, la nave utilizzata dal Duca degli Abruzzi per arrivare al Polo Nord. Infine, un paio di stivali da festa e una maschera in osso di balena, rappresentante lo Spirito della Luna, completano l’allestimento della sala I.
Info sul Duca degli Abruzzi